L’energia delle piante per il sistema immunitario dei più piccini

Il confronto con l’ambiente scolastico è uno stimolo importantissimo per i più piccoli, perché li plasma nel momento più importante della crescita.

Questo non avviene solo sul piano intellettivo e della relazione con l’altro, ma anche su quello immunitario: i nostri bambini si confrontano con microbi e patogeni nuovi, rafforzando, in questo “incontro-scontro”,  il loro modo di difendersi.

In Antroposofia, Rudolf Steiner insegnava che il confronto con il mondo di virus e batteri serve la bambino per costruire e rafforzare l’identità del proprio essere a 360°: colui che sa bene chi è, non permette ad altre forze dissonati di invaderlo e depistarlo dal proprio percorso animico.

In Naturopatia, siamo convinti che al bambino non manchi niente, ma che possiamo aiutarlo a plasmare l’adulto che diventerà, sostenendone le funzioni,  in modo che anche il confronto con la malattia lo veda vincitore e sempre più padrone delle proprie capacità di adattamento.

Due rimedi possono essere considerati dei veri e propri compagni di percorso. Indicatissimi, tra l’altro, anche per affrontare la stagione fredda:

  • Il Prugnolo, che con le sue bacche scure e le lunghe spine (tanto da guadagnarsi il soprannome di “spino nero”) dimostra di essere un vero combattente, abile a sopravvivere al rigido inverno. Il Macerato Glicerinato ottenuto da questa pianta fortifica l’energia vitale, e stimola l’organismo, rendendo il sistema immunitario estremamente strutturato ed efficiente.

  • La Rosa canina, anche lei con le sue spine e i suoi frutti vitaminici, ben radicata nel terreno e resistente, offre un Macerato Glicerinato vitaminico e modulante del sistema immunitario. Svolge un ruolo antinfiammatorio, proteggendo le vie respiratore. Favorisce una crescita armonica.

Ne bastano poche gocce, in relazione al peso corporeo, e possono essere assunti fin dalla più tenera età, in un pochino d’acqua. Il loro sapore piacevole è anche molto gradito.

Lascia un commento